Tariffe

In Italia l’Infermiere è un professionista sanitario intellettuale che per poter esercitare deve:

  • essere in possesso di una Laurea di primo livello conseguita presso una Università legalmente riconosciuta e che costituisce titolo di studio abilitante (è previsto,infatti,al pari di altri professionisti sanitari,un esame di abilitazione all’esercizio della professione) oppure di un titolo di studio legalmente riconosciuto come equipollente;
  • risultare regolarmente iscritto all’Ordine delle Professioni Infermieristiche (OPI) della provincia in cui risiede o in cui esercita prevalentemente l’attività.

L’Infermiere che esercita l’attività in forma autonoma, come Libero Professionista, solitamente sostiene almeno i seguenti costi fissi:

  • versa annualmente la propria quota all’OPI, come previsto dalla legge in vigore;
  • stipula una polizza assicurativa per la responsabilità civile nei confronti dei propri Assistiti;
  • stipula una polizza assicurativa per gli infortuni professionali;
  • versa autonomamente le proprie tasse e imposte e i propri contributi previdenziali (vedi nota 1);
  • autofinanzia la propria formazione permanente;
  • si avvale del supporto e della consulenza,a titolo oneroso,di ulteriori Professionisti,sanitari e non (es. Operatori Socio Sanitari, Commercialista).

LA TARIFFA

La tariffa,secondo la normativa attualmente in vigorenon può prevedere a priori un minimo o un massimoil compenso per le prestazioni professionali è pattuito al momento del conferimento dell’incarico professionale (vedi note 2 e 3).

NOTE FISCALI E GIURIDICHE PER IL CLIENTE PRIVATO

  1. La prestazione sanitaria dell’Infermiere iscritto all’Ordine è esente da I.V.A. ai sensi dell’art. 10 comma 18 del D.P.R. 633/1972.
  2. La prestazione sanitaria infermieristica,regolarmente fatturata,è inoltre detraibile dalle tasse per il 19%anche senza una specifica prescrizione medica (fatti salvi i casi di obbligo di prescrizione medica,per ragioni sanitarie, per l’esecuzione di alcune prestazioni diagnostiche e terapeutiche e per prestazioni infermieristiche particolarmente  invasive).
  3. In caso di controversie sulla commisurazione delle parcelle tra il professionista Infermiere e il Cliente,l’eventuale liquidazione operata dagli organi giurisdizionali potrà tenere conto di valori medi di riferimento delle prestazioni infermieristiche stabiliti ai sensi del Decreto 19 luglio 2016, n. 165.
error: